Perchè indossi ciò che indossi?

Gennaio 5, 2022
La scelta dei nostri abiti è influenzata da cause esterne ma anche da cause interne 

Le nostre scelte di moda non sono dettate solo da giornali di moda, influencer ed esperti: c'è molto di più in gioco quando decidi di scegliere o di NON scegliere un particolare capo, accessorio o colore.

È vero che siamo influenzati dal nostro gruppo di riferimento, dai nostri idoli, da ciò che vediamo nelle pubblicità ma siamo anche influenzati dalle nostre emozioni e ricordi.

7 veri motivi che si nascondono dietro la scelta di un abito

  • Ragione emotiva

Ci sono molte ragioni per cui optiamo per uno stile, un colore, una vestibilità e non per un'altra - uno di questi è il modo in cui siamo stati cresciuti.

Le cose a cui sei stato/a esposto/a da bambina/o hanno un ruolo fondamentale nelle tue scelte perché sono meccanismi che la tua mente ha più facilmente a disposizione.

Ad esempio, se la tua mamma, il tuo papà o una persona di riferimento per te indossava una particolare paio di pantaloni o una particolare giacca, avrai una maggiore inclinazione verso di essi.

Non saprai perché, ma sarai spinto/a ad acquistare quel pezzo invece di qualcosa dello stesso colore e fatto dello stesso tessuto, ma di una forma diversa.

I nostri gusti in termini di abbigliamento provengono da un luogo inconscio, quindi non sorprende che i nostri genitori, o le persone con cui siamo cresciuti, influenzino le nostre scelte così come influenzano i nostri manierismi, comportamenti e personalità.

Inoltre, siamo più attratti verso gli abiti che in passato ci hanno fatto sentire grandi, sicuri e protetti.

Spesso, infatti, si trovano persone che anche in età adulta sono ancora molto attaccate alla visione di loro che avevano quando erano giovani e questo è il motivo per cui spesso non si può dire l'età di una persona dal modo in cui è vestita.

Ho scoperto, lavorando a stretto contatto con queste persone che necessitano di un supporto proprio per riuscire a riscoprire il bello della loro età.

Tendiamo ad aggrapparci alle cose (e quindi ai vestiti)  che ci ricordano i tempi più felici.

C'è un elemento di attaccamento emotivo e di sicurezza alle vecchie rappresentazioni del Se: quelle in cui c'era la sensazione di essere a proprio  agio e sicuri.

Di solito questi sono momenti in cui sei un bambino o un adolescente, quando tutto è stato preparato per te, quindi non hai avuto la sfida di prenderlo da solo/a.

  • Paura del cambiamento

A volte il cambiamento fa paura perchè rappresenta la scelta di andare incontro a qualcosa di ignoto.

Ecco perchè  molte persone tendono a comprare sempre gli stessi abiti e a cambiare solo se il negozio di fiducia, l'influencer di riferimento o il marchio preferito lo propongono.

Dietro la scelta dei nostri abiti si nascondono anche paure e blocchi emotivi.

  • Effetto di mera esposizione

A volte scegliamo cosa indossare solo a causa di una buona pubblicità che penetra nei nostri cervelli porosi e impressionabili.

Il semplice effetto di mera esposizione funziona sulla base del fatto che, più vedi qualcosa e più sei esposto a qualcosa, più è probabile che tu agisca con una reazione positiva senza sapere perché l'hai fatto.

In sostanza, se un negozio propone un nuovo stile , solo quelli che hanno un interesse per la moda o una grande apertura mentale lo acquisteranno immediatamente.

Però, una volta che è stato visto su alcune persone, in alcuni cartelloni pubblicitari, in televisione, sui social poi inizierà lentamente a spostarsi dal subconscio alla mente cosciente  delle persone che finiranno per provarlo.

Se dove lavori ci sono 10 persone che indossano un particolare tipo di calzatura, probabilmente finirai per acquistarne un paio.

Le tendenze accessibili ti permettono di sentirti parte di un gruppo e capire come poter esaltare la tua unicità.

Il tuo cervello raccoglie costantemente indizi e segnali da tutti coloro che ti circondano, quindi non è un caso che spesso le persone che si frequentano hanno uno stile simile.

  • Ruoli e vita quotidiana

Spesso il nostro abbigliamento è condizionata dall'idea di  vivere noi stessi sempre all'interno in  un preciso ruolo e fatichiamo a comprare abiti diversi.

Sai cosa indossare durante il giorno e come potenziare il tuo look ma non sai cosa indossare quando esci perché non sei abituato a pensare per te stesso come persona indipendente da quel contesto.

È così che le persone restano bloccate e non sanno come scegliere gli abiti da "non lavoro".

Se l'ultima volta che sei stato/a in grado di esprimerti liberamente era all'età di 18 anni, allora ti aggrapperai a quegli stili  (vedi il paragrafo sopra sulla paura del cambiamento ... ).

Alcune persone non si allontanano dalla zona di comfort e non hanno alcun tipo di curiosità verso le novità, quindi indossano un unico ruolo sempre uguale.

La vita che hanno creato, di solito apposta, non richiede da parte loro un cambiamento.

  • Periodo di cambiamento

Un periodo di cambiamento potrebbe dipendere da moltissime cose: cambiare città, relazione, lavoro, amicizie..  ed è in questi momenti che è più probabile comprare cose diverse da quelle a cui siamo abituati.

Quando attraversi situazioni di crisi e cambiamenti cruciali nella vita, vedrai in te uno stile diverso o un cambiamento nel tuo aspetto generale.

È il nostro senso di Sé che si riflette negli abiti che indossiamo.

Se qualcuno, ad esempio, cambiasse costantemente il suo aspetto senza un reale motivo, ciò implicherebbe probabilmente che sta cercando di ritrovarsi e si è un po' perso.

Ecco perché, da adolescenti, possiamo passare da look punk ad uno bon ton in pochi mesi: stiamo scoprendo a quale 'tribù' apparteniamo.  Invecchiando, invece, scoprirai che il tuo abbigliamento riflette la tua vita.

Se sei bloccato, lo sarà anche il tuo stile. Se sei in evoluzione, allora sarai un camaleonte anche nel modo di vestirti.

  • I consigli degli altri

Ci sono un sacco di trucchi psicologici che i negozi usano per farti comprare cose ma funziona davvero solo se:

a)  ti fidi abbastanza del marchio da iniziare a indossare quello che ti propone;

b)  hai visto anche qualcuno di influente che lo indossa.

Qualche tempo fa, avevamo bisogno di persone che conoscevamo per farci consigliare, oggi con gli influecer, che in qualche modo percepiamo come amici sono loro i nostri primi suggeritori di cosa acquistare.

Un avvertimento, però: se stai copiando completamente lo stile di qualcuno o ne sei completamente ossessionato, allora questo potrebbe dire qualcosa sulla tua autostima.

Raramente persone con buona autostima copiano completamente qualcuno.

Le persone più sicure prendono degli elementi e li mescolano con la propria personalità.

  • L'autostima

Se un abito si adatta alla forma del tuo corpo, allora hai maggiori probabilità di sceglierlo.

Ma se non sei sicuro di te e scopri che vestire il tuo corpo è davvero stressante, allora hai maggiori probabilità di rinunciare e indossare sempre lo stesso look o seguire con ossessione le tendenze.

Se ti senti a tuo agio con il tuo corpo e con chi sei come persona, non farai finta di essere qualcun altro.

Se non hai una buona autostima, ti cambierai per adattarti ad un particolare schema.

Però, purtroppo, non funziona perché il nostro cervello è in grado di individuare elementi di comunicazione anche attraverso il linguaggio del corpo o le espressioni facciali.

Possiamo quindi vedere quel conflitto e scoprirne inautenticità: fondamentalmente, se il tuo viso, voce e posizione dicono una cosa, ma i tuoi vestiti ne dicono un'altra, è evidente.

Quindi vale la pena provare a capire cosa ti piace e ti rappresenta, piuttosto che cosa dovrebbe piacerti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti i diritti riservati
*This Website is not a part of Facebook or Facebook Inc. Additionally, this site is NOT endorsed by Facebook in any way. FACEBOOK is a trademark of FACEBOOK Inc.
Questo sito non fa parte del sito Facebook o Facebook Inc. Inoltre, questo sito NON è approvato da Facebook in alcun modo. FACEBOOK è un marchio registrato di FACEBOOK, Inc.
sito web realizzato da webradinglab